Schedule 2016

Preseason (2-2) Regular Season (4-12)
W
28-24
W
21-20
L
9-17
L
25-27
L
0-28
W
9-3
W
37-32
W
17-13
L
19-30
L
28-31
L
10-17
30/10
L
10-13
W
9-6
L
10-14
L
21-49
L
10-26
L
14-42
L
3-24
L
21-22
L
6-44
 

Wade Phillips nuovo Defensive Coordinator

Scritto da Massimo.

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
Sean McVay non perde tempo nell'assemblaggio del suo staff. Poche ore dopo la sua nomina ad head coach dei Rams, ha ingaggiato uno dei migliori defensive coordinator che si potessero immaginare. Da Denver arriva Wade Phillips, l'artefice della grande difesa che ha portato alla città altra un miglio il Super Bowl dello scorso anno.
Figlio del grande Bum Phillips, coach degli Houston Oilers e dei New Orleans Saints negli anni '70-'80, il curriculum di Wade Phillips è davvero impressionante.
Dopo un po' di gavetta tra hiogh school e college, Phillips ha iniziatro ad allenare in NFL assieme al padre negli Houston Oilers nel 1976.
Dal 1981 ha svolto le funzioni di Head coach o Defensive coordinator tra New Orleans, Philadelphia, Denver, Buffalo, Atlanta, San Diego, Dallas e Houston (sponda Texans) ottenendo sempre ottimi risultati soprattutto nella posizione di Defensive Coordinator.
L'unico dubbio che può sorgere sull'acquisizione di Phillips è che i Rams hanno una difesa che comprende personale adatto ad una 4-3, mentre il buon Wade è un guru della 3-4, ma siamo sicuri che saprà trovare le soluzioni adatte per il personale a disposizione e, eventualmente, ingaggiare le posizioni mancanti.
0
0
0
s2sdefault

Sean McVay è il nuovo Head Coach

Scritto da Massimo.

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
Non abbiamo fatto a tempo a riassumere la situazione sulla ricerca dell'head coach che i Rams hanno effettuato la propria scelta. Sarè Sean McVay, l'head coach per le prossime stagioni. L'annuncio è stato dato da Stan Kroenke in persona dopo il secondo colloquio con McVay avuto oggi a Los Angeles.
Il comunicato ufficiale della squadra lo potete trovare a questo link.
Come già dicevamo nell'articolo di oggi, l'acquisizione di McVay porterà quasi sicuramente Wade Phillips ad occupare il posto di defensive coordinator, mentre per l'attacco alcune fonti interne alla squadra rivelano che sarebbe già stato siglato un accordo con Anthony Lynn, offensive coordinator dei Buffalo Bills per i quali ha servito anche come interim head coach dopo la cacciata di Ryan.
0
0
0
s2sdefault

A che punto siamo con il coach

Scritto da Massimo.

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
La ricerca del nuovo head coach da parte dei Rams sembra essere arrivata ad un punto di svolta. Riepiloghiamo cosa è successo nelle ultime due settimane.
Il primo ad essere stato intervistato è stato l'interim head coach uscente John Fassell. Il colloquio è stato puramente di cortesia. Snead e Demoff non avevano alcuna intenzione di promuovere Fassell, ed addirittura avevano lasciato libero l'intero coaching staff di trovarsi un'altra sistemazione (che Gregg Williams ha subito trovato a Cleveland). Fassell aveva comunque informato il front office dei passi che secondo lui era necessario intraprendere per riprendere in mano la squadra, cosa che poi aveva anche fatto pubblicamente con i giornalisti.
Più che quelle di Fassell, però, a fare scalpore erano state le dichiarazioni dei giocatori all'uscita dall'ultimo allenamento della stagione. Il panorama che ne veniva fuori era abbastanza desolante: un gruppo di giocatori poco motivati, poco ispirati, poco pungolati dal coaching staff, ragazzi più interessati ai soldi, alle donne ed alle opportunità di divertimento che Los Angeles può offrire, più che a svolgere diligentemente il proprio lavoro. Una brutta gatta da pelare per qualsiasi coach arrivi.
Dopo Fassell, il front office aveva sentito l'Head Coach Assistant dei Panthers Steve Wilks il 3/1, l'offensive coordinator dei Cardinals Harold Goodwin il 5/1, l'Offensive Coordinator dei Redskins Sean McVay il 6/1, l'Offensive Coordinator dei Patriots Josh Mc Daniels ed il Defensive Coordinator dei Patriots Matt Patricia il 7/1, l'interim Head coach dei Bills Anthony Lynn l'8/1.
0
0
0
s2sdefault

Rams Team Awards 2016

Scritto da Massimo.

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
Come ultimo atto della stagione testè terminata, i Rams hanno reso noti i premi di squadra assegnati per il 2016. Dopo una stagione come quella appena passata ci sarebbe da chiedersi se ci sono abbastanza giocatori da premiare o se non sarebbe meglio sospendere l'assegnazione di qualsiasi tiolo di merito per il 2016, ma alla fine, come vedremo, giocatori meritevoli di premio se ne sono trovati e con motivazioni condivisibili.
 
Il Daniel F Reeves Memorial Award, che viene assegnato al migior giocatore della squadra, viene assegnato, su indicazione dei giocatori stessi, al DT Aaron Donald per il secondo anno consecutivo. Crediamo non ci siano dubbi sull'incredibile stagione che Donald ha avuto, appena appannata dalle prestazioni complessive della squadra, che gli è valsa la terza convocazione al Pro Bowl in tre anni, quest'anno addirittura come giocatore più votato in assoluto.
 
Il Walter Payton Man of the Year Award, che premia lìimpegno nella comunità, viene assegnato al Punter Johnny Hekker per il so lavoro con la TASK (Team Activities for Special Kids) che si occupa di organizzare attività rivolte ai bambini che necessitano di attenzioni particolari per malattie o sindromi genetiche).
0
0
0
s2sdefault

Stagione finita (finalmente)

Scritto da Massimo.

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
Cala il sipario sulla stagione del ritorno a Los Angeles per i Rams, ma soprattutto cala il sipario su una delle peggiori stagioni della storia della franchigia, se non per record e vittorie sicuramente per prestazioni e numeri in campo. A somministrare l’estrema unzione all’ariete defunto da oramai diverse settimane ci pensa Bruce Arians, che si prende la rivincita promessa a settembre, quando i Rams sconfissero i suoi Cardinals a Phoenix con McDonalds ad intercettare l’Hail Mary di Stanton dopo aver dominato in lungo ed in largo in attacco senza però riuscire a segnare più punti dei Rams.
Nel prepartita entrambi gli allenatori avevano spergiurato sulle intenzioni bellicose delle due squadre che, tutto sommato, non avevano nulla da chiedere all’ultima partita della stagione se non una prova di orgoglio da parte dei Rams e, come detto, la voglia di vendicare la sconfitta non molto meritata di week 4 per i Cardinals. A mantenere fede ai proclami, però, erano solo i Cardinals, giacché i Rams apparivano da subito in edizione “togliamoci questo fastidio e torniamo a casa il prima possibile”.
La cronaca della partita è presto fatta elencando le segnature nell’ordine con cui sono avvenute, perché non c’è mai stata competitività o pathos o qualsiasi tipo di emozione che vi fa stare attaccato al seggiolino (se siete allo stadio) o alla televisione (se siete a casa) anche se la partita prende un’unica direzione già fin dall’inizio.
Il doppio field goal di Catanzaro era seguito dal TD pass di Palmer su Ross per il 13-0 con cui si chiudeva il primo quarto di gioco.
I Rams rispondevano con due field goal di Zuerlein, ma era ancora Catanzaro a piazzare la palla tra i pali per il 19-6 con cui i Cardinals si ritrovavano a condurre all’intervallo.
0
0
0
s2sdefault

Statistiche

Utenti
1
Articoli
177
Web Links
7
Visite agli articoli
60982

Chi è online

Abbiamo 7 visitatori e nessun utente online