Schedule 2016

Preseason (2-0) Regular Season (0-0)
W 28-24 W 21-20
27/8
3:00
1/9
2:00
12/9
4:20
18/9
22:05
25/9
22:05
2/10
22:25
9/10
22:05
16/10
19:00
23/10
15:30
30/10
6/11
22:05
13/11
19:00
20/11
22:05
27/11
19:00
4/12
19:00
11/12
22:25
15/12
2:25
24/12
22:25
1/1
22:25
 

Un'altra vittoria di misura

Scritto da Massimo.

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
Dopo la vittoria in rimonta della scorsa settimana contro i Cowboys, le seconde (e terze) linee dei Rams portano a casa la posta piena nella seconda giornata di preseason sconfiggendo 21-20 i Kansas City Chiefs grazie ad un touchdown di Malcolm Brown su passaggio di Jared Goff a poco più di dieci minuti dal termine.
I Rams hanno fatto vedere qualche progresso rispetto alla partita della scorsa settimana soprattutto in attacco, dove Keenum è stato molto più efficace e dove il rientro di Todd Gurley (alla prima partita di preseason della sua carriera) ha rivitalizzato anche il gioco di corsa che contro i Cowboys, almeno nella fase starters vs. starters, aveva un po' latitato.
Gurley ha messo a segno il primo touchdown dei Rams nel primo possesso offensivo dei padroni di cada e poi si è accomodato nuvamente in panchina, dando spazio a Benny Cunningham e Malcolm Brown, che hanno dimostrato di poter perfettamente integrare il reparto capitanato dal numero trenta con le treccioline.
In mancanza dei due "eroi" della scorsa settimana, Tyler Higbee e Nelson Spruce, è toccato a Kenny Britt, con un paio di belle ricezioni lunghe, e Pharoh Cooper, con un bel touchdown in tuffo, dare concretezza al lavoro di Keenum, il quale ha dispensato palloni con molta più tranquillità e precisione non solo della scorsa settimana ma anche della scorsa stagione.
0
0
0
s2sdefault

Un record fasullo

Scritto da Massimo.

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
Uno dei motivi più importanti della partita di preseason giocata sabato notte al Los Angeles Coliseum è stato, e l'abbiamo colpevolmente riportato anche noi senza controllo alcuno,  il dato relativo agli spettatori. 89.105 presenze sugli spalti è stato definito da più parti come record di affluenza per una partita di preseason NFL in territorio americano. 
Pensavamo anche noi che specificando "in territorio americano" fossimo fuori pericolo, perchè in effetti risultano due partite giocate allo stadio Azteca di Città del Messico che hanno portato sugli spalti 112.376 spettatori (1994, Dallas Cowboys - Houston Oilers) e 106.424 spettatori (1998, Dallas Cowboys - New England Patriots).
Peccato che il terzo dato assoluto nella storia della preseason NFL appartenga al College All Star Football Classic del 1947 giocato a Chicago tra i Chicago Bears e la College All Stars, che richiamò al Soldier Field 105.840 spettatori, come si può evincere facilmente dal titolo del Chicago Daily Tribune riportato nell'immagine qui a fianco.
Scavando ancora un po' nei dati, inoltre, viene fuori che vi sono ben 14 altre partite la cui affluenza risulta essere superiore a quella tra Dallas e Los Angeles, due delle quali, tra l'altro, disputate proprio al Los Angeles Coliseum tra Los Angeles Rams e Washington Redskins nel 1950 (95.625) e 1951 (91.985).
0
0
0
s2sdefault

Ritorno a L.A. con vittoria

Scritto da Massimo.

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
89104 spettatori hanno gremito gli spalti del Los Angeles Memorial Coliseum, stabilendo il record di presenze per una partita NFL di preseason in territorio statunitense, per il ritorno dei Rams nella città degli angeli ventidue anni dopo averla lasciata per Saint Louis.
La partita del ritorno a casa è finita con la vittoria dei Rams per 28-24, ma è stata una faticaccia, perchè i Cowboys erano andati in vantaggio per primi proprio sul kickoff di apertura con un ritorno di 101 yard di Withehead, e poi avevano allungato con i touchdown di Bryant e Williams, ben imbeccati dal quarterback rookie Dek Prescott che ha giocato fin dall'inizio al posto di Tony Romo.
I Rams, privi di Todd Gurley e Robert Quinn, hanno faticato non poco a star dietro ai Cowboys, dando l'impressione di avere ancora un bel po' di ruggine da scrollarsi di dosso, ed hanno rimontato nel secondo tempo con il terzo quarterback Sean Mannion autore di una prova maiuscola coronata da tre touchdown pass a Reynolds, Green e Spruce che si aggiungevano a quello su corsa di Cunningham nel primo tempo, per fissare lo score sul 28-24 finale.
Quando la partita è stata titolari contro titolari, i Rams non hanno fatto una buona impressione.
0
0
0
s2sdefault

Tra il Coliseum e Hard Knocks

Scritto da Massimo.

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
Era il 16 dicembre 1979 quando i Rams giocarono per l'ultima volta al Los Angeles Coliseum come squadra di casa. Fu una sconfitta per 29-14 ad opera dei New Orleans Saints, ma quella stagione terminò con i Rams sorprendentemente al Super Bowl. Quasi 37 anni dopo, i Rams torneranno a calcare l'erba del mitico stadio di Los Angeles per il debutto stagionale contro i Dallas Cowboys nella prima delle quattro gare di preseason previste dal calendario. Appuntamento per domani notte alle 2:00 con diretta su Fox Sports, per chi è abbonato Sky con il pacchetto Sport attivo.
Sarà una grande festa sugli spalti, che si preannunciano gremiti, tanto che i Rams hanno dovuto aprire altri settori dello stadio oltre a quelli previsti proprio per soddisfare l'altissima domanda di biglietti per lo storico evento.
Sarà naturalmente l'occasione per vedere a che punto siamo dopo due settimane di camp. Gli occhi saranno puntati principalmente su Jared Goff, come è giusto che sia visto tutto il can can mediatico che circonda il numero sedini, ma noi ci interesseremo prevalentemente di altre cose. Tyler Higbee, ad esempio. Il rookie tight end pare stia facendo un camp spettacolare, e giornalisti ed addetti ai lavori preannunciano una grande stagione per un giocatore che sembrava destinato a far numero nel gruppone dei tight end ed invece potrebbe riservare qualche bella sorpresina a qualche veterano (fischieranno le orecchie a Kendricks?).
Altro punto interessante da osservare sarà la condizione della difesa, con la transizione di Ogletree al centro ed il nuovo pacchetto di defensive backs. Ma non dobbiamo dimenticare la linea d'attacco, dove Saffold è stato nuovamente spostato nella posizione di right tackle stante l'indisponibilità di Rob Havenstein. 
Nel frattempo è partita la serie televisiva "Hard Knocks", che quest'anno segue il training camp dei Rams. Saranno cinque episodi che ci porteranno settimanalmente a scoprire parti del training camp che solitamente non vengono raccontate nemmeno dai reporter che seguono il camp giorno per giorno.
0
0
0
s2sdefault

Preview stagione 2016

Scritto da Massimo.

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
I Rams tornano a Los Angeles dopo 21 anni a St.Louis dove hanno sì vinto il loro terzo titolo NFL (primo Super Bowl) nel 1999, ma dove il bilancio è stato decisamente negativo sia in campo che, soprattutto, sugli spalti, dove negli ultimi anni i seggiolini restavano mezzi vuoti, quando non pieni di tifosi avversari.
Il ritorno "a casa" ha generato molto entusiasmo in California, tanto che gli abbonamenti per la prima stagione sono andati esauriti in poche ore e le richieste sono state quasi il doppio della disponibilità. Per i prossimi tre anni i Rams giocheranno nel mitico Los Angeles Coliseum, in coabitazione con i Trojans della University of Southern California, in attesa che il mega stadio di Inglewood venga costruito, ma la domanda che tutti si pongono è: quanta pazienza avranno i tifosi californiani con i nuovi L.A. Rams?
Il quesito è d'obbligo perché va bene l'entusiasmo per il ritorno dei propri beniamini, ma il solo spostamento a Los Angeles non trasforma certamente una squadra mediocre come quella degli ultimi anni in una pretendente per il Super Bowl. La off season in casa Rams è stata piuttosto movimentata, generando grosse aspettative ma anche grossi punti interrogativi. La sensazione, tuttavia, è che, almeno per quest'anno, si farà di nuovo fatica a scollarsi dal 7-9 a cui Fisher ci ha abituato.
0
0
0
s2sdefault

Statistiche

Utenti
1
Articoli
201
Web Links
7
Visite agli articoli
62782

Chi è online

Abbiamo 4 visitatori e nessun utente online